Benvenuti in Dodo's House, il blog che racconta la vita di Dodo, Dado, Lisa e dei loro amici, a quattro zampe e non.

English version here.

mercoledì 25 dicembre 2013

Buon Natale 2013

Carissimi,
oggi Lisa e io vi scriviamo per augurarvi un Buon Natale e un felice 2014, ma soprattutto per raccontarvi del regalo meraviglioso che abbiamo trovato sotto l'albero: la versione in bianco e nero del primo volume di Dodo's House (titolo francese: La Maison de Dodo)! TA-DAAA!

...

PUC PUC

Che c'è Lisa? Perché mi tiri il maglione? No, vabbe', dai... perché devi sempre essere così pignola? Ok, ok, hai ragione. Rettifico:

Ahem... ad essere del tutto precisi non è che ci abbiamo proprio trovato fisicamente il primo volume, sotto l'albero. 
Ma la notizia che Dodo's House è stato dato alle stampe, sì!
Non sappiamo ancora la data di uscita nelle librerie francesi, ma fra un paio di settimane o poco più dovremmo avere tra le mani il libro e ovviamente non stiamo nella pelle.
La versione a colori è ancora da completare (sigh), ma quella in bianco e nero è una cosa a parte e ci sta particolarmente a cuore perché non pensavamo che avrebbe visto la luce.
La soddisfazione è tanta, prima di tutto perché Dodo's House è nato in bianco e nero; poi perché quando parliamo di una versione a colori non intendiamo un bianco e nero colorato, ma qualcosa di diverso.

Per spiegarci vi mostriamo una tavola in bianco e nero che voi ben conoscete (la prima del blog, cioè la quindicesima del primo volume) confrontata con la sua versione a colori:



Come potete vedere non esistono campiture nere: la tavola è stata del tutto svuotata per lasciare spazio ai colori, mantenendo della china la sola linea chiara.

Un'altra cosa sulla quale forse non ci siamo spiegate a dovere è che il primo volume di Dodo's House si compone di 46 tavole, delle quali solo una decina sono state pubblicate qui sul blog.
Le rimanenti, inedite, completano la storia ed introducono nuovi personaggi, come ad esempio Mirabella Salvi, agente immobiliare.


Queste nuove tavole non verranno pubblicate sul blog, pertanto l'unico riferimento, per ora, resta l'edizione francese.

Ora, prima di concludere questo articolo, vorremmo farvi un'altra anticipazione, che però con la pubblicazione ha poco a che fare, ma invece ne ha con me e con la creazione di questo fumetto: mi piacerebbe infatti realizzare un articolo che spieghi il processo di sviluppo delle tavole, partendo dalle matite e finendo con l'inchiostrazione.

Non so se arriverà prima il volume stampato o se finirò io per prima di scrivere il mio personale "making off", ma aspettatevi un post sia per l'uno che per l'altro.
Nel frattempo vi auguriamo un Buon Anno Nuovo e... a risentirci nel 2014!

Barbara e Lisa

sabato 3 novembre 2012

La Copertina

Mi sono accorta di avervi promesso una copertina.
Mi sono anche accorta di non aver creato il post dedicato alla copertina.
Mi sono persino accorta di aver dimenticato di non aver creato il post con le candidate alla copertina, che, secondo logica, avrebbe dovuto comparire prima. 
Perciò, presa da questo improvviso lampo di perspicacia, saltiamo i preamboli ed eccoci qua:

Questa è l'illustrazione che andrà in copertina nel primo volume: che ve ne pare?
Be', inutile dirlo: a me piace.
Lisa, invece, non si pronuncia.
Dodo e Dado, per fortuna, non si fanno problemi di linea.

Non fatevi fuorviare dall'andamento verticale: il formato del volume sarà orizzontale, conforme a quello delle tavole online.
Devo fare ancora un paio di aggiustamenti prima di consegnarlo all'editore, ma appena avrò il definitivo lo pubblicherò qua sul blog.

giovedì 1 novembre 2012

Lucca Comics 2012

Wow! E' quasi un anno che non scrivo nel blog (a me sembrava ieri)!
Non è che ci sia da vantarsene, ma... siamo onesti: è un bel risultato, se lo guardiamo dal lato zen - cioè quello del vuoto. 
Contrariamente alle mie speranze, non sono riuscita a portare Lisa a Lucca nemmeno quest'anno - e non posso nemmeno scaricare la colpa su fantomatici organizzatori oberati di richieste, perché, francamente, non ho nemmeno pensato di farla, la richiesta per il banchetto; posso quindi solo incolpare me stessa, ma, grazie al cielo, non tutti sono ignavi come me: ho saputo che il gruppo di Happy Brains, finalmente, ce l'ha fatta! 
E questo cosa significa? 
In breve: si può andare a Lucca e, nella self-area, incontrare Lupi&Mipi di persona! 
Be', in realtà questo è un problema, perché, dopo aver conosciuto quelli veri, è molto facile sbagliarsi e cercare di portare a casa loro invece che la copia cartacea; ma vabbe': non si può avere tutto.
Cosa dire invece del nostro fumetto?
La scadenza, alias la fine dell'anno, si avvicina e mancano ancora 11 inchiostrazioni (del colore non parlo, perché mi vergogno). 
Le tavole che sto passando a china sono ovviamente le più rognose, quelle che lasci per ultime perché speri di sbrogliarne i problemi grazie ad una sorta di intuizione ispirata o più semplicemente all'intervento di una qualche musa (della prima che passa, cioè).
Mi piacerebbe aggiornare di tanto in tanto il blog con un conto alla rovescia, ma lo so che finirei per farmi assorbire dal lavoro e dimenticherei di scrivere su queste pagine per l'ennesima volta.
Ho preso una pausa dalle lezioni e sto correndo più che posso per rispettare la scadenza, ma la realtà è che sono lenta e che probabilmente avrei dovuto interrompere prima le altre attività.
E' la prima volta che mi trovo ad affrontare la creazione di un volume e sto imparando moltissime cose, soprattutto su me stessa. Tempi di lavoro, contrattempi, resistenza fisica... ma anche depressioni e forza di volontà. Tutto viene testato, tutto viene messo alla prova.
Non so cosa sarà del mio futuro o di quello di Dodo e Lisa, una volta consegnate le tavole; in ogni caso, fin da ora sento di dire che ne sarà valsa la pena, quale che sia il risultato che ne verrà. 
Devo essere onesta: ci sono stati dei momenti in cui avrei volentieri gettato tutto via, in cui avrei voluto scappare mille miglia lontano da questa impresa che mi sembrava titanica (ancora adesso lo sembra), se relazionata alle mie capacità. 
Ora, al contrario, nonostante manchi così tanto da fare e con la scadenza sempre più vicina, le sto correndo incontro, veloce come un treno. 
...
Be', un trenino. Su. Non stiamo a spaccare il capello.
Tornando alla fiera di Lucca, non so ancora se andare o meno. Dipenderà molto da come riuscirò ad organizzarmi con il lavoro in questi giorni.
Se non riuscissi, mando un saluto e un grandissimo abbraccio a tutti gli amici che si trovano là, a sgomitare negli stand: mi raccomando, salvatemene una copia!*

*  ogni riferimento a Lupi&Mipi è puramente casuale